Inizia la stagione del “ritocchino”. Vizio o virtù?

Ossessione o mania, non sappiamo quale sia la ragione che spinge uomini e donne a ricorrere al ritocchino per apparire più belli, comunque sia questo è il periodo giusto per rinfrescare il viso in vista della nuova stagione. A togliere le rughette d’espressione, le zampe di gallina e piccoli inestetismi ci pensa il botulino. Dell’argomento ne parlo con il medico chirurgo estetico Mario Parise di Vicenza.

Sindrome da botulino, abusarne che cosa comporta? Il botulino cancella anche i solchi dovuti all’invecchiamento cutaneo? Ogni quanto è consigliato ricorrere al botulino per rinfrescare il volto e la pelle? Che differenza c’è tra acido ialuronico e botulino? Le collane di Venere possono essere trattate con il botulino? Le rughe sono tutte uguali?

RINOPLASTICA: RIFARSI IL NASO PER STARE MEGLIO

L’intervento chirurgico di rimodellamento del naso non è sempre eseguito per una questione estetica, anzi spesso si ricorre a questo intervento per risolvere problemi respiratori e solo con l’occasione si fa un ritocchino al naso. Di quali siano i comportamenti da tenere, come procedere e perché sottoporsi all’intervento ci viene in aiuto il medico chirurgo estetico Mario Parise di Vicenza.

Perché fare una rinoplastica?
I motivi sono principalmente tre: estetico, funzionale e traumatico. Spesso viene applicata la combinazione degli interventi. La rinoplastica migliora l’aspetto estetico del naso attraverso la riduzione, il rimodellamento della punta o del dorso. La rinosettoplastica associa la rinoplastica a quello di settoplastica per cui si coregge la deviazione del setto nasale per migliorare la respirazione e la parte estetica nello stesso intervento.

E’ corretto dire che dopo un mese dall’intervento hai un naso nuovo?
Dopo solo un mese il paziente è soddisfatto del naso che vede, ma non sarà quello definitivo. Il riassetto avviene nei mesi successivi ed entro l’anno avrà la visione definitiva del suo nuovo naso.

Parliamo del post operatorio, qual è il compito del paziente?
Mi verrebbe da dirti comportarsi bene. E’ importantissimo per il raggiungimento dell’obiettivo che il paziente segua le indicazioni del postoperatorio, soprattutto le cure igienico sanitarie, evitare possibili traumi come non dormire a fianco di un bambino per evitare che colpisca involontariamente il naso, medicare le narici, niente sole, non fumare, preferire il riposo che è un ottimo alleato per un veloce recupero. Tutte informazioni che vengono ben spiegate al paziente dopo l’operazione.

Un consulto psicologico è importante prima di un’operazione?
Direi che è fondamentale per capire le motivazioni che spingono una persona ad affidarsi alla chirurgia estetica. Lo psicologo sarà in grado di stabilire il disagio che compromette il suo equilibrio, valuta le concrete aspettative rispetto al risultato, identifica le cause che lo indirizzano a questa scelta aiutandolo a decidere per il meglio.

Si può eseguire una correzione al naso senza bisturi?
Si ma solo per correggere piccole disarmonie del profilo. E’ bene che il paziente sappia che non risolve i problemi di un naso aquilino o di un setto nasale deviato. Per correggere lievi imperfezioni come attenuare una gobba, alzare una punta, riempire dei vuoti, si iniettano piccole quantità di acido ialuronico con un risultato immediatamente visibile e nessuna convalescenza da sostenere. Il risultato ha una durata di otto, dieci mesi dopo i quali va ripetuto il trattamento.

Rinoplastica non solo estetica

L’intervento chirurgico di rimodellamento del naso non è sempre eseguito per una questione estetica, anzi spesso si ricorre a questo intervento per risolvere problemi respiratori e con l’occasione si fa un ritocchino al naso. Che cosa dobbiamo sapere prima di ricorrere a questa soluzione? Ne parlo con il medico chirurgo estetico Mario Parise di Vicenza.

Perché fare una rinoplastica? E’ corretto dire che dopo un mese dall’intervento hai un naso nuovo? Si può eseguire una correzione al naso senza bisturi? Parliamo del post operatorio, qual è il compito del paziente? Un naso rifatto cambia la fisionomia della persona, prima di intervenire ci sono delle procedure deontologiche da seguire?

RIFARE IL SENO PUO’ CAMBIARE LA VITA?

Partiamo con un dato, l’Italia è al quarto posto come numero di interventi di mastoplastica additiva. Mica male per un paese piccolo come il nostro, eppure questo intervento è il più richiesto dalle donne. Le motivazioni? Sono tante e ne ho parlato con il medico chirurgo Mario Parise, specialista in Chirurgia Plastica Ricostruttiva ed Estetica.

Qual è la motivazione che spinge una donna a rifarsi il seno?
Vorrei precisare che nei dati da Lei riportati sono compresi i rifacimenti delle protesi dovuti a problemi imprevisti, malcontenti o effetti collaterali. La domanda che mi pone è complessa. Ogni donna è mossa da un desiderio che se volessimo dargli un nome sarebbe “cambiare vita”. Sembra paradossale eppure nasce tutto da un’insoddisfazione di se stesse, farsi un regalo è come superare un disagio interiore e lo si fa con l’estetica.

Mi scusi dottore, crede davvero che un seno nuovo migliori uno stato d’animo, come faccio a sapere se sono sulla strada giusta?
Il colloquio preventivo è fondamentale, deve essere chiaro, diretto e senza remore. Capisco quando una cliente omette le vere motivazioni, non la sforzo ad aprirsi, anche se sarebbe meglio lo facesse per se stessa, così, insieme, potremmo valutare se l’ intervento è davvero indispensabile. Ecco perché il colloquio dura 50 minuti, dubitate di chi se la sbriga in 10. Durante questa fase abbiamo l’obbligo di approfondire le dinamiche dell’intervento, le aspettative, gli esami che deve fare e nel contempo la paziente ha tutto il diritto di fare ogni tipo di domanda ed uscire soddisfatta e sicura della sua decisione, qualunque essa sia.

Mi ha convinta dottore. Quali sono le norme di comportamento che la paziente deve tenere prima dell’intervento?
Prima dell’intervento deve informarmi se prende farmaci perché alcuni hanno delle controindicazioni. Se fuma deve ridurre il numero delle sigarette giornaliere, bisogna segnalare l’insorgenza di raffreddore, mal di gola, tosse o malattie della pelle. Organizzare per il periodo post operatorio la presenza di un accompagnatore/trice che può essere molto utile anche se non indispensabile. Togliersi lo smalto dalle unghie piedi e mani, depilarsi le ascelle, non assumere cibi né bevande a partire dalla mezzanotte. Come vede le cose da fare e da sapere sono molte. Abbiamo specificato le più comuni.

Con le nuove tecniche non si vedono più quelle brutte cicatrici, conferma ?
La zona da incidere corrisponde ad un solco sotto le mammelle, è la più efficace e la meno visibile, poi si può operare intorno all’areola e anche in questo caso la cicatrice si mimetizza bene a patto che l’areola non sia troppo piccola. Infine c’è l’incisione ascellare che però va eseguita in endoscopia e solo per protesi piccole.

Quanto devo restare in ospedale?
Se tutto procede nel verso giusto la sera stessa la paziente può rientrare a casa, al massimo il giorno dopo. Dopo dieci giorni circa potrà tornare alle sue attività quotidiane e dopo una quindicina guidare l’auto. Dopo un mese e mezzo circa riprendere anche le attività sportive.

Ci siamo scordati della mastoplastica riduttiva, il protocollo è lo stesso ?
No, la mastoplastica riduttiva che ricordo mira alla riduzione del seno, è un intervento completamente diverso, in alcuni casi le cicatrici saranno permanenti.

Bene dottore è andato tutto come speravo, quando ci rivediamo ?
Una volta all’anno, ma non dimentichi di fare una mammografia e una eco ogni due anni. Tutte informazioni che vengono fornite nel post intervento, l’importante è seguire le nostre indicazioni.

Approfondimenti

Inizia la stagione del “ritocchino”. Vizio o virtù? - Scarica il pdf

Rinoplastica: rifarsi il naso per stare bene - Scarica il pdf

Ecco cosa devi sapere sulla BLEFAROPLASTICA - Scarica il pdf

SEMPLICE - RAPIDO - EFFICACE - ultimissima innovazione per l'alopecia - Scarica il pdf

Rifare il seno? Può cambiare la vita - Scarica il pdf

Macchie della pelle ADDIO!! - Scarica il pdf

Ventr piatto? la LIPO ti aiuta - Scarica il pdf